Bando per la proibizione ad uso veterinario del Diclofenac, un farmaco che uccide gli avvoltoi

La Fondazione per la Conservazione degli Avvoltoi (VCF), la SEO / BirdLife, SPEA (BirdLife in Portogallo), BirdLife Europe, il WWF e la LIPU – rilanciano una campagna per vietare il Diclofenac veterinario in Europa, ed in particolare in Spagna, Italia e Portogallo, quei Paesi dove vivono la maggior parte degli avvoltoi europei. Questo farmaco antinfiammatorio, al momento ritenuto innocuo per gli esseri umani, può potenzialmente uccidere gli avvoltoi. Il suo uso veterinario non è indispensabile, in quanto esistono altrettanto efficaci alternative in campo zootecnico.

Questo argomento era già stato trattato nel nostro blog 3 anni fa, con uno dei primi articoli pubblicati, e ci sembra assolutamente doveroso riprendere l’informativa che è arrivata nei giorni scorsi via mail e divulgarla a tutti i nostri contatti.
La Società Italiana di Ecopatologia della Fauna (SIEF) e lo Studio AlpVet hanno firmato la petizione per il divieto dell’uso veterinario del Diclofenac in Europa, e invitiamo tutti i colleghi veterinari, gli allevatori e chiunque abbia a cuore questo problema di attivarsi a fare altrettanto.

La nuova campagna della VCF, con un sito web dedicato e una petizione che auspica il supporto dei cittadini (http://www.banvetdiclofenac.com/it/iniziazione/), riunisce tutte le informazioni aggiornate sull’approvazione, la commercializzazione e i rischi posti dal Diclofenac in Europa e lancia un chiaro appello alla società civile per mobilitare e proteggere gli avvoltoi europei. La VCF e altre organizzazioni, insieme alla campagna lanciata sui mezzi di comunicazione, stanno attuando azioni specifiche sia a livello nazionale che a livello europeo (con documenti indirizzati alle associazioni veterinarie, agricole e zootecniche, ai governi regionali e alla Commissione Europea) per cercare di portare le amministrazioni competenti alla decisione di vietare l’uso veterinario del Diclofenac.

Gli avvoltoi possono essere esposti al farmaco alimentandosi di carcasse di animali precedentemente trattati con questo farmaco veterinario. Il suo effetto letale sugli avvoltoi è stato ampiamente documentato nel subcontinente indiano, dove la presenza di Diclofenac nell’1% delle carcasse di vacche abbandonate ha portato all’imminente estinzione – parliamo di una popolazione di oltre 70 milioni di individui con un declino del 99% – di cinque specie di avvoltoi. Il suo uso è ora vietato in India, Nepal, Bangladesh, Iran e Pakistan, e questo ha rallentato il declino degli avvoltoi, che in questi Paesi svolgono un ruolo fondamentale anche per la salute umana.
Malgrado questa catastrofe, l’uso veterinario di Diclofenac è consentito sia dall’Unione Europea che dai governi nazionali di Spagna e Italia. In Portogallo, le autorità stanno valutando una richiesta di autorizzazione. Nel 2014, stimolata da una precedente campagna di sensibilizzazione, l’Agenzia Europea del Farmaco ha riconosciuto questa potenziale minaccia, ma non ha preso decisioni definitive.
Recentemente l’Agenzia Spagnola dei medicinali e dei prodotti sanitari (AEMPS), ha concluso che ogni anno potrebbero morire circa 6.000 grifoni a causa del Diclofenac. Ciò significa un declino annuo di oltre il 7% della popolazione spagnola, la più importante a livello europeo.

La proibizione dell’uso veterinario del Diclofenac non è solo questione di buon senso, ma anche di diritto. Il principio di precauzione, che richiede di eliminare i rischi inutili, regola in Europa tutte le normative in materia di conservazione dell’ambiente. Autorizzare un farmaco con un potenziale effetto mortale su specie che dovremmo proteggere, riteniamo non sia una misura coerente con questo obbligo normativo.

Gli avvoltoi hanno il ruolo di rimuovere gli scarti della natura. Non uccidono, mangiano carne di altri animali morti; contribuiscono così a ridurre la diffusione delle malattie ed eliminano la necessità di trattamento e incenerimento di migliaia di tonnellate di residui di animali ogni anno, facendo risparmiare milioni di euro per la gestione dei rifiuti e permettendo di evitare l’emissione di centinaia di migliaia di tonnellate di CO2 ogni anno.
Eppure sono uno dei gruppi uccelli più minacciati sul pianeta, con 16 delle 23 specie a grave rischio di estinzione. In questo contesto, Spagna e Italia hanno un ruolo fondamentale nella loro conservazione, in quanto accolgono oltre il del 95% degli avvoltoi monaci e dei grifoni europei.
Il destino e la sopravvivenza degli avvoltoi, in quanto specie a rischio di estinzione, dipendono dall’impegno e dalla mobilitazione dei cittadini europei e della loro leadership politica.

La campagna www.banvetdiclofenac.com spera di raggiungere questo risultato.

Per ulteriori informazioni, contattare: diclofenac@4vultures.org

Maggiori approfondimenti visitando il sito della campagna http://www.banvetdiclofenac.com/it/iniziazione/

Annunci

Alla scoperta del Lupo Cerviere – Biella, 10 giugno 2016

Venerdì 10 giugno, alle ore 21.00, presso Palazzo Gromo Losa a Biella Piazzo, si terrà la presentazione del libro “ALLA SCOPERTA DEL LUPO CERVIERE – LA LINCE” di Claudio Oddone.

Tra i relatori della serata anche un collaboratore di AlpVet, Andrea Battisti (Naturalista/Biologo), che insieme al Dott. Silvano Beduglio e Matteo Negro (Biologo), descriveranno la storia della lince nel territorio delle Alpi e forniranno utili informazioni riguardo le segnalazioni pervenute negli anni e lo status attuale di distribuzione dell’affascinante, quanto schivo, predatore.

Locandina Lince.jpg

 

La caccia in Europa e 35 anni di cooperazione per la protezione degli uccelli selvatici

Riportiamo un interessantissimo discorso di Janez Potočnik, commissario europeo per l’Ambiente, tenuto all’apertura della conferenza sulla celebrazione del 35° anniversario della direttiva Uccelli e del 10° Anniversario dell’accordo Face – BirdLife a Bruxelles il 23 settembre 2014.

L’analisi lucida che viene fatta a livello di conservazione della fauna, in questo caso dell’avifauna, deve far riflettere sia il mondo venatorio che quello protezionista. Per entrambi l’obiettivo comune deve essere il mantenimento della biodiversità, che si ottiene anche attraverso una gestione venatoria oculata e sostenibile, che produca ricerca e fornisca dati di primaria importanza nel raggiungimento degli obietti preposti.


Sono lieto di essere qui con voi per celebrare il 35° anniversario della direttiva sugli uccelli e il 10° anniversario dell’accordo tra BirdLife e FACE. E’ eccellente vedere l’adozione da parte della comunità della caccia di un tale approccio proattivo alla protezione degli uccelli e dare tale riconoscimento di alto profilo alla legislazione Ue sulla natura. Così, i miei ringraziamenti vanno alla Federation of Associations for Hunting and Conservation dell’Ue (FACE) per aver organizzato questo evento.

Per molte persone può sembrare contro-intuitivo, ma la caccia agli uccelli può aiutare negli sforzi di conservazione di uccelli. Non è un caso che la Direttiva Uccelli riconosca la legittimità della caccia sostenibile. Allo stesso tempo, questo pone una responsabilità molto importante sul mondo venatorio per assicurarsi che le popolazioni di uccelli siano sane.

Gli uccelli, molti dei quali sono migratori, sono il nostro patrimonio comune. Nel 1979, gli Stati membri dell’Ue,  adottarono all’unanimità la direttiva uccelli riconoscendo il declino preoccupante e dell’utilizzo insostenibile di alcune specie di uccelli. Nel corso degli ultimi 35 anni, della direttiva Uccelli, unitamente alla direttiva Habitat ed al programma LIFE, hanno fornito ai Paesi una solida base per lavorare insieme per proteggere le specie e gli habitat di interesse conservazionistico dell’Ue. Queste sono le pietre angolari della politica sulla biodiversità e la natura dell’Ue.

Non c’è dubbio che della direttiva uccelli abbiano beneficiato in modo significativo gli uccelli d’Europa. Uno studio pubblicato sulla rivista Science ha dimostrato che la direttiva ha fatto una differenza significativa nel proteggere da un ulteriore declino molti degli uccelli più minacciati d’Europa e ci sono stati casi di successo reali nel recupero delle diverse popolazioni di specie. Abbiamo bisogno di costruire su questi successi.

La rete Natura 2000 dispone di circa 5.500 zone di protezione speciale in particolare per gli uccelli, che coprono oltre il 12% del territorio dell’Ue, tra cui quasi 1.000 siti in mare.

Natura 2000 vale naturalmente altrettanto per le persone in quanto è basata sulla natura. Un principio chiave alla base della rete è garantire che la conservazione e l’uso sostenibile vadano di pari passo con i benefici per le comunità locali, così come per l’economia in generale.

Ho apprezzato che Face abbia sostenuto la Commissione nei suoi sforzi per attuare la direttiva uccelli. Ad esempio, Face, in collaborazione con BirdLife International, ha contribuito attivamente all’iniziativa caccia sostenibile. Ma spero che sarete d’accordo che il lavoro è lungi dall’essere completato. Molte zone di protezione speciale sono in cattive condizioni, e bisognose di restauro, gestione attiva e finanziamento. Le ultime relazioni presentate dagli Stati membri sullo status delle popolazioni di uccelli europei mostrano che molte specie di uccelli sono ancora in pericolo.

Gli Stati membri si sono impegnati al massimo livello politico per fermare e invertire la perdita di biodiversità e dei servizi ecosistemici entro il 2020: un impegno che si riflette nella strategia dell’Ue per la biodiversità. Questa strategia comprende l’obiettivo di raggiungere un significativo miglioramento dello stato degli uccelli. Questa è una sfida enorme, che può essere vinta solo grazie agli sforzi congiunti di tutte le parti interessate. I cacciatori hanno un ruolo chiave nel raggiungimento di questo obiettivo.

Perché così tante popolazioni di uccelli non stanno ancora bene? Sono certo che la comunità della caccia sarà d’accordo con me sulle principali minacce: frammentazione del territorio, urbanizzazione, deterioramento degli habitat come la distruzione delle zone umide, condizioni di allevamento, compreso l’uso di pesticidi e monocolture, pesca by-catch, alti livelli di predazione, e, naturalmente, i cambiamenti climatici. La caccia può, se non è praticata in modo sostenibile, aggiungersi a queste pressioni.

Così, la caccia può essere parte della soluzione, ma anche, in alcuni casi, una parte del problema, ad esempio quando è insostenibile. Sono convinto che lavorando insieme, possiamo davvero fare in modo che contribuisca al 100% per fare un team vincente. Mi permetto di sottoporvi alcune riflessioni.

Primo, è essenziale che continuiamo i nostri sforzi per costruire la fiducia tra la comunità della caccia e le Ong ambientaliste. Dopo tutto, condividono lo stesso obiettivo a lungo termine di ottenere popolazioni di uccelli sane. L’esito dell’iniziativa caccia sostenibile, come ad esempio l’accordo di 10 punti firmato da BirdLife e Face nel 2004, il cui 10° anniversario stiamo celebrando oggi, è un ottimo esempio di ciò che può ottenere un dialogo costruttivo tra le parti interessate. Questo dialogo deve essere rafforzato, in particolare a livello degli Stati membri. E’ fondamentale che i leader delle organizzazioni nazionali o regionali della caccia e le associazioni per la protezione degli uccelli capiscano che è nel loro interesse lavorare insieme. La cooperazione può iniziare con quelle più disposte a farlo.

Secondo, dal momento che il monitoraggio delle specie di uccelli e degli abbattimenti venatori è di fondamentale importanza per assicurare una gestione sostenibile, in particolare per le specie migratrici, i cacciatori dovrebbero essere incoraggiati a svolgere un ruolo più attivo nel sostenere programmi di monitoraggio coordinati in Europa. Potrebbero anche rafforzare ulteriormente i loro sforzi per valutare la sostenibilità della caccia a diverse specie, in particolare quelle che si trovano in uno stato sfavorevole.

Terzo, dobbiamo riconoscere che in alcuni casi in cui gli ecosistemi sono già fortemente deteriorati, può essere necessario limitare o addirittura fermare la caccia per un periodo di tempo, per consentire all’habitat di recuperare. So che questo è già stato fatto in alcuni casi, e so anche che è una soluzione che non è sempre facile da accettare. Ma alla fine ne può beneficiare il mondo venatorio, così come consente di recuperare gli stock ittici ai pescatori, con benefici a lungo termine.

Quarto, anche se credo fermamente che la caccia può essere compatibile con gli sforzi di conservazione, la caccia non sostenibile e l’uccisione illegale e cattura sono problemi innegabili in diverse regioni d’Europa. Queste attività minano lo stato di diritto e compromettono anche le disposizioni della legislazione che consentono deroghe. E’ già difficile spiegare all’opinione pubblica perché sono ammesse alcune deroghe. Se, l’opinione pubblica vede che ci sono attività illegali che vanno avanti in parallelo – anche se sono svolte da una piccola minoranza – queste appannano ovunque l’immagine di cacciatori e mettono in discussione l’efficacia del nostro intero approccio alla conservazione della natura. Quotidianamente ricevo personalmente lettere e messaggi da parte dei cittadini di tutta Europa, che sono allarmati dalle notizie che tali attività continuano a verificarsi, a volte in loro cortile di casa. E a volte, in nome della “tradizione”. Ecco una domanda che merita qualche riflessione: è più facile cambiare le pratiche tradizionali di una piccola minoranza, o cercare di convincere la stragrande maggioranza che tali pratiche siano accettabili, legalmente o in altro modo?

Contiamo sulle associazioni venatorie per aiutare gli Stati membri e le autorità di polizia locali nella lotta contro le attività illegali e perché continuino a partecipare ad iniziative costruttive in questo campo, è quanto Face da molti anni.

Vorrei chiudere facendo notare che lo scorso giugno, in questo edificio, ho assistito alla firma di un accordo tra le otto organizzazioni di stakeholder sui principi fondamentali di impegno nelle attività della Piattaforma sui grandi carnivori, un’iniziativa lanciata sotto i miei auspici. Vi incoraggio a continuare ad impegnarsi in modo costruttivo in questo dialogo.

Le grandi popolazioni di carnivori sono in ripresa. Questo è qualcosa di cui l’Europa può essere davvero orgogliosa. Siamo l’unica regione al mondo in cui lo status delle specie di grandi carnivori non sta peggiorando, ma è in realtà migliorato. E di questo dobbiamo ringraziare la nostra legislazione sulla natura.

Signore e signori, ho indicato quelle che vedo come le principali sfide per il futuro, che richiedono l’impegno attivo della comunità della caccia. Sono convinto che i nostri rispettivi obiettivi saranno più facile da realizzare se lavoriamo tutti insieme, nella reciproca comprensione e in cooperazione.

Vi auguro il meglio e che continuate su questa strada e vi auguro almeno altri 35 anni di successo!

Janez Potočnik, commissario europeo per l’Ambiente

 

Tratto da http://www.greenreport.it